Airmet

» Scarica «


Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato


Nome:
Email:

       

Associazione

L’Associazione Italiana Recuperatori Metalli, costituitesi nel 2008, è nata per impulso di oltre 50 imprese che hanno sentito la necessità di avere un’ organizzazione con l’ausilio della quale poter affrontare e risolvere le difficili problematiche legate al trattamento e recupero dei rottami metallici.

L’Associazione ha sede legale ed operativa in Roma e rappresentanze già operanti in diverse regioni.

 

Uno degli obiettivi che l’Associazione ha inteso subito perseguire è stato di marcare il giusto confine esistente fra l’attività di demolizione o rottamazione di veicoli e l’attività di trattamento e recupero dei rottami metallici. Ciò anche al fine di evitare di incappare in errori che sono sì di natura lessicale ma che generano, a tutt’oggi, anche confusione in ogni ambito (legislativo, di controllo, di regolamentazione, ecc.). Le problematiche afferenti alle due attività e gli impatti che esse possono avere sull’ambiente sono, infatti, sostanzialmente assai diverse.

 

Altri settori nei quali l’Associazione è impegnata, sono:

-  monitorare le problematiche inerenti l’applicazione del Regolamento UE 333/2011 (End of Waste dei rifiuti di ferro, acciaio, alluminio);

-  monitorare le problematiche inerenti l’applicazione del Regolamento CEE/UE n° 715 del 25/07/2013 (End of Waste dei rifiuti di rame);

-  individuare una soluzione definitiva e sostenibile della problematica inerente la raccolta e trasporto di rifiuti metallici  in forma ambulante (art. 266, comma 5, del D.Lgs. 152/06);

-  fare chiarezza sul SISTRI;

-  individuazione di norme tecniche e applicabili su tutto il territorio nazionale riguardanti le caratteristiche che devono possedere i siti adibiti al trattamento e recupero di rottami metallici;

-  sensibilizzare il Legislatore affinché escluda i rottami metallici, e con essi tutti i materiali aventi un valore proprio di mercato, dal campo di applicazione della normativa sui rifiuti.

                                           "L'esperienza insegna che se singoli si è deboli,

                                                                           tutti insieme si è potenti"